Cronaca

Prima della Scala, ovazione a Mattarella: il pubblico lo applaude per 4 minuti

Ovazione a Mattarella alla Prima della Scala. Così come accadde l’anno scorso, il pubblico ha riservato il tributo al Capo dello Stato, al momento del suo ingresso, con la figlia Laura, nel palco d’onore. Alla fine dell’applauso durato circa quattro minuti, come di consueto, con la sala del Piermarini illuminata e il sipario chiuso, l’orchestra diretta dal maestro Riccardo Chailly ha intonato l’inno di Mameli. Poco prima del Capo dello Stato erano arrivati la presidente del Senato Maria Alberti Casellati e il ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini. Applausi, fuori dal teatro, anche all’arrivo della senatrice a vita Liliana Segre, accolta dal sindaco Giuseppe Sala. La senatrice è entrata senza rilasciare dichiarazioni e sorridendo.

Il centro di Milano è blindato, spaccato in due dalle transenne che circondano l’area attorno al teatro. La piazza antistante, dove campeggia la statua di Leonardo Da Vinci, è un’isola vuota con due accessi pattugliati da un corposo cordone di forze dell’ordine. 

«Ogni sette dicembre gli occhi di tutto il mondo sono puntati sulla Scala, su Milano e dobbiamo essere orgogliosi di quello che l’Italia è nel mondo», ha detto Franceschini. «Il mondo è pieno di milioni di persone che vogliono vestire e mangiare italiano e guardare cinema italiano e ascoltare musica italiana – ha aggiunto -. Proviamo ad essere un pò più orgogliosi di noi stessi». E sull’ultima Prima del sovrintendente Pereira, Franceschini ha risposto: «Ci sarà una grande continuità», riferendosi al successore Meyer.

«Sicuramente sarà un’opera bellissima, impegnativa e noi siamo molto lieti oggi di essere qua perché è un segno di attenzione per la città e per questo teatro», ha detto la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese al suo arrivo al Piermarini per assistere alla Prima della Tosca che inaugura la stagione scaligera.

La Tosca «è un’opera piena di valori. In questo momento ci tengo molto alla dimensione internazionale della Scala e sto invitando la Scala a farsi vedere per il mondo, però la Prima è sempre la Prima», ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, arrivando alla Prima della Scala, dove va in scena la Tosca di Puccini. «Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è sempre il benvenuto a Milano – ha aggiunto -. Non solo alla Prima della Scala ovviamente». Sala ha poi parlato dell’addio del sovrintendente della Scala Alexander Pereira che andrà a Firenze: «La cosa buona è che continuerà a lavorare in Italia, a Firenze dall’amico Nardella, quindi direi bene».

C’è anche la cantautrice statunitense, Patti Smith. La cantante, entrando in teatro, ha risposto alle domande dei cronisti e ha fatto un endorsement alle Sardine. «Le persone hanno il potere specialmente in Italia. Le Sardine hanno il potere», ha detto, citando uno dei suoi brani più celebri, l’inno People have the power. 

Ultimo aggiornamento: 18:56 [Fonte il Mattino di Napoli]


Source link