Cronaca

Coronavirus a Napoli: «In 50 nella moschea». Ed esplode la rivolta dei cittadini

Da il Mattino di Napoli :

Chiese chiuse, moschee aperte, almeno secondo le segnalazioni dei residenti alla Ferrovia. «Ci sono cinquanta persone assembrate per la preghiera nella moschea di Corso Arnaldo Lucci». L’accusa è arrivata domenica scorsa da un gruppo di cittadini della zona. Tutti i luoghi di culto sono ovviamente obbligati a rispettare le misure straordinarie che vietano celebrazioni religiose, solo due giorni fa un parroco di Torre Annunziata è stato denunciato dai carabinieri per aver svolto una benedizione funebre. A ribellarsi nel centro di Napoli, stavolta, sono stati direttamente i cittadini scatenando minuti di tensione. L’imam della moschea dice invece di non sapere perché la moschea fosse aperta. 

LEGGI ANCHE Coronavirus in Campania, altri 60 casi positivi: il numero dei contagiati sale a 460

LA PREGHIERA
Urla, improperi e offese verso le persone che alla spicciolata abbandonavano la moschea: immagini riprese in un video da uno degli abitanti del posto per documentare quanto stava avvenendo. Nel filmato si vede uno dei residenti che grida nei confronti delle persone che escono dal centro islamico. «Vi abbiamo accettato, – dice l’uomo rivolgendosi ai fedeli musulmani – quando vi incontriamo vi salutiamo, vi aiutiamo se avete bisogno e voi ci mettete la vergogna in faccia». Uno sfogo che raccoglie l’applauso degli abitanti affacciati alle finestre e dai balconi sulla strada. Intanto, su segnalazione di altri cittadini, arriva sul posto anche una pattuglia della polizia municipale per verificare l’accaduto. «Non c’erano cinquanta persone – spiega il Comandante della polizia municipale, Ciro Esposito – ma gli agenti sono intervenuti tempestivamente e hanno allontanato le persone che erano all’interno della moschea. Quando la pattuglia è arrivata, da quanto abbiamo potuto ricostruire, c’erano forse una decina di soggetti prima che arrivassimo». Non vuole esporsi il Comandante né chiarisce se dopo l’intervento siano stati presi dei provvedimenti nei confronti degli avventori della moschea. Eppure, da quando i cittadini hanno segnalato l’assembramento e l’arrivo dei vigili è passato più di qualche minuto secondo i residenti. «Vi stiamo telefonando da tempo – urla l’uomo all’arrivo della pattuglia – dobbiamo pensarci noi ad intervenire?». Nel filmato si vedono cinque persone uscire dal centro islamico, nessuno dotato di mascherine di protezione, qualcun altro resta dentro la moschea. Sicuramente – viste le misure straordinarie che vietano assembramenti – anche se fossero state solo una decina le persone riunite non avrebbero potuto farlo. «Se non si può pregare in chiesa – dice l’uomo ripreso nel filmato girato dalle finestre – sono obbligati anche loro a rispettare le norme». Il video si interrompe proprio all’arrivo della pattuglia dei vigili urbani che, nel frattempo, con il loro intervento avevano riportato la calma in strada. 
 

LA REPLICA
«Da quando sono in vigore le norme del presidente del consiglio, Giuseppe Conte e del governatore Vincenzo De Luca – spiega l’imam della moschea di Corso Lucci, Abdullah Ammar – io sono chiuso in casa. Sulle nostre pagine Facebook abbiamo comunicato ai fedeli che la moschea è chiusa e che non è possibile pregare insieme a partire dallo scorso 9 marzo». Cade dalle nuvole l’imam, dice di non sapere come mai la moschea fosse aperta. «Dal video – dice l’uomo di culto – ho riconosciuto il custode, evidentemente era andato lì per fare delle pulizie, non potevano pregare senza di me perché non si può senza l’imam. Le notizie diffuse sono inesatte». Versioni contrastanti tra i cittadini che parlano di 50 persone, i vigili di una decina e l’imam che racconta di un intervento di pulizia. Ma per l’imam Ammar «non si tratta di razzismo quanto avvenuto domenica». Tutte le altre moschee di Napoli sono chiuse, a confermarlo è anche l’imam di piazza Mercato, Massimo Cozzolino, che ritiene inaccettabile che qualcuno possa aver violato le prescrizioni per arginare il contagio del Covid-19. «I centri islamici di Napoli della mia associazione – spiega Cozzolino – sono chiusi e sarebbe grave se qualcun altro avesse violato le disposizioni». 

I CONTROLLI
Intanto i cittadini delle zone dove sono presenti i centri islamici chiedono controlli dedicati da parte delle autorità. Eppure, oltre ai centri di preghiera ufficiali, nel centro di Napoli sono diverse quelle fai-da-te che sorgono in garage e cantine dove è più complesso fare controlli. Le varie comunità islamiche hanno comunque provveduto a spiegare le prescrizioni anche in arabo attraverso i propri canali social. Non un problema di integrazione, ma stavolta in ballo c’è la salvaguardia della salute di tutti e nessuno può tirarsi indietro.

[Fonte il Mattino di Napoli]


Fonte il Mattino di Napoli