Cronaca

Coronavirus, diretta. 2 nuovi morti, decine di guariti. Spallanzani: «Comunicare solo casi clinici e vittime come altri Paesi»


Coronavirus, al settimo giorno dall’inizio del virus in Italia si registrano 528 nuovi casi e 14 nuovi decessi. Marche, Puglia e Abruzzo sono le ultime due regioni coinvolte. Un positivo anche in Abruzzo: si tratta di un lombardo in vacanza, per il quale si attende la conferma dello Spallanzani. Dalla Lombardia però arrivano anche buone notizie, con 37 contagiati che risultano guariti, come fa sapere il commissario per l’emergenza Borrelli. Intanto, lo Spallanzani fa sapere che l’intenzione d’ora in poi è comunicare solo il numero di casi clinici o morti. 

Coronavirus, il ministro Gualtieri: «Indennizzi e finanziamenti, pronte misure straordinarie»
Coronavirus, il presidente Trump: «Italia in difficoltà, ma è presto per il blocco dei voli»

Nessun nuovo focolaio individuato, anzi, in serata il ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato, in un’informativa alla Camera, che «i due focolai, che inizialmente sembravano distinti, poi si sono dimostrati connessi: uno in Lombardia, più vasto, e un altro puntiforme in un piccolo comune del Veneto». «Sostanzialmente il focolaio è uno ed è quello della bassa Lombardia», gli ha fatto eco Walter Ricciardi, consulente dello stesso ministro e membro italiano dell’Oms. Sono otto i minori con Covid-19, sette in Lombardia ed uno in Veneto. 

Borrelli: «Contagiati in 12 regioni». Sono 12 le Regioni, con l’ingresso dell’Abruzzo, in cui si registrano contagiati da coronavirus. In Lombardia risultano 305 positivi al coronavirus, secondo la Protezione civile. In Veneto 98, in Emilia Romagna 97, in Liguria 11, Lazio, Sicilia e Marche 3, Toscana, Campania e Piemonte 2, Trentino Alto Adige (Bolzano) e Abruzzo 1. Di questi, ha specificato il commissario Angelo Borrelli, «474 sono in assistenza, 278 in isolamento domiciliare, 159 ricoverati con sintomi, 37 in terapia intensiva». Sono 14 i morti per il Coronavirus, «ma stiamo aspettando gli esiti degli accertamenti dell’Iss per l’ufficialità». 

Spallanzani, Ippolito: comunicare solo casi clinici e morti. «In Italia si sta lavorando affinché vengano comunicati solo i casi di nuovo coronavirus clinicamente rilevanti, ovvero i casi clinici di pazienti in rianimazione o morti, come avviene negli altri Paesi del mondo». Lo ha detto il direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani, Giuseppe Ippolito, in conferenza alla stampa estera. I «positivi ai tamponi fatti per qualsiasi altro motivo andranno in una lista separata estremamente importante – ha detto – per la definizione della situazione epidemiologica». «Tutti i test effettuati fino ad ora per la ricerca del nuovo coronavirus sono negativi. Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 167 pazienti, di questi, 120, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Quarantasette sono i pazienti tutt’ora ricoverati».

«Il giovane studente italiano (Niccolò ndr) sta concludendo il periodo di osservazione». Lo sottolinea il bollettino quotidiano dello Spallanzani. «Tutti i test effettuati fino ad ora per la ricerca del nuovo coronavirus sono negativi – aggiungono i sanitari – La coppia cinese, attualmente ricoverata in degenza ordinaria, prosegue nel percorso di risoluzione della sintomatologia clinica».

Musumeci: turisti dal Nord meglio se non vengono. Ci sarebbe una donna positiva al coronavirus a Catania. «Nella serata di ieri è stato esaminato un caso di sospetta positività, relativo ad una donna catanese rientrata da Milano nei giorni antecedenti l’inizio della emergenza lombarda. La signora è del tutto asintomatica, guarita da ogni sindrome influenzale e si trova precauzionalmente in isolamento domestico». Lo spiega l’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza. Il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, sottolinea: «La Sicilia non è una terra in cui non si può sbarcare e non si può atterrare: però servono controlli perché non è possibile che i due casi registrati di positività al coronavirus riguardano turisti del Nord perché nella nostra isola non c’è un focolaio. Sarebbe meglio che i turisti dal Nord non venissero».  

Coronavirus, donna positiva a Catania. Il governatore: «Meglio se dal Nord non vengono»

Primo caso in Israele, vietato ingresso agli italiani. Israele impedirà l’ingresso dei cittadini italiani nel paese con l’obiettivo di prevenire il diffondersi del coronavirus. Lo ha annunciato il ministro degli interni Arie Deri, sottolineando che firmerà un decreto in questo senso. «Non abbiamo scelta – ha spiegato, citato dai media – il virus si è sparso in Italia». Il ministero della sanità israeliano ha confermato questa mattina che un uomo ritornato dall’Italia nei giorni scorsi «ha contratto il coronavirus». Il ministero – citato dai media – non ha dato dettagli sulla persona in questione aggiungendo solo che è stata posta nell’area di quarantena dell’ospedale Sheba vicino a Tel Aviv. Il ministro degli interni Arie Deri ha annunciato che alla firma un decreto che impedisce l’ingresso in Israele a chi arrivi dall’Italia.

Oms: «L’Italia non è focolaio». «L’Italia ha un focolaio e mezzo per il Coronavirus: quello originale è nella Bassa Lombardia e poi ce ne è uno più piccolo in Veneto che siamo riusciti a ricondurre al focolaio lombardo». Lo ha detto Walter Ricciardi dell’Oms e consulente del ministro della Salute, alla Protezione civile. 

Positivo un corista del teatro La Scala di Milano. È risultato positivo un corista della Scala. A quanto apprende l’Adnkronos per il momento la ripresa delle attività del teatro è prevista per il 2 marzo.

Di Maio: speculazioni saranno punite. «Condanniamo tutte le speculazioni che qualche sciacallo sta facendo su gel e mascherine queste persone saranno punite». Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in conferenza all’Associazione Stampa Estera. «In Italia – ha aggiunto Di Maio – è stata aperta un’inchiesta dalle procure e nel nuovo decreto in scrittura, che entro la settimana porteremo in cdm, introdurremo misure che servano a calmierare alcuni abusi rispetto a esigenze legate a mascherine e gel. Il nostro obiettivo è agevolarne l’acquisto ove serva».

Matteo Salvini dà due notizie appena entra in sala stampa: questa mattina andrà dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella e poi, aggiunge, che questo governo non è capace a gestire l’emergenza. Dice il leader della Lega: “Obiettivo la normalità, ma al governo c’è confusione. Se c’è un governo dia segni di presenza economica”. L’ex ministro dell’Interno: “Il rinvio per tutto il Paese degli adempimenti fiscali e tributari. Ritengo scandalosa apertura dell’inchiesta sull’ospedale di Codogno, fatta partire dal presidente del Consiglio. L’attuale governo non è in grado di affrontare l’emergenza. Questa mattina al Quirinale porterò le richieste delle categorie produttive. Al presidente della repubblica porterò il raccapriccio di chi apre inchieste sui medici che lavorano”.

Due persone positive in Gran Bretagna: «Contatti con italiani». Altre due persone sono risultate positive al test da coronavirus nel Regno Unito, portando il totale dei contagiati nel Paese a 15. Entrambi i pazienti sono ricoverati in Inghilterra, a Liverpool e a Londra, ed entrambi devono il contagio a fonti italiane, secondo il ministero della Sanità britannico. Uno arriva infatti da Tenerife, dove un albergo è in quarantena dopo che il virus è stato individuato in quattro turisti italiani; l’altro era «passato per l’Italia»: lo ha precisato il chief medical officer Chris Whitty.

Taranto, asintomatico l’uomo positivo. Non avrebbe più febbre e al momento sarebbe asintomatico il 33enne di Torricella (Taranto) risultato positivo al Coronavirus. Lo riferiscono fonti dell’Asl di Taranto precisando che alcuni parenti del 33enne sono stati sottoposti a controlli e messi in isolamento, e si è ancora in attesa dei primi risultati delle loro analisi. L’uomo, attualmente sottoposto a terapia, come da protocollo, è ricoverato nella stanza a pressione negativa dell’ospedale Moscati di Taranto, dove è giunto nella mattinata di martedì scorso, accompagnato da un’ambulanza del 118. A quanto si è appreso, il 33enne ha soggiornato a Codogno, una delle zone-focolaio del virus, dal 19 al 24 febbraio. Era andato a trovare dei parenti ed è rientrato a casa lunedì sera in aereo da Malpensa a Brindisi. Dall’aeroporto è stato accompagnato dal fratello a casa dove sarebbe entrato in contatto con pochissime persone. L’uomo ha allertato l’amministrazione comunale e il medico Giuseppe Turco, consigliere regionale, residente a Torricella, quando era asintomatico. Lo stesso medico gli ha consigliato di rimanere in isolamento con la famiglia del fratello e di avvertirlo in presenza di sintomi. Alle 7 del mattino di martedì, secondo quanto riferisce il consigliere regionale, il paziente presentava febbre. È stato così contattato il 118 ed è seguito il ricovero all’ospedale Moscati dove c’è il reparto di Malattie Infettive. Il paziente è stato quindi sottoposto a una serie di test, l’ultimo dei quali – da parte del Policlinico di Bari – è risultato positivo alla ricerca del virus. Ora si attende la conferma da parte dell’Istituto superiore di sanità, al quale il test è stato trasferito.

Coronavirus, nel Tarantino caso asintomatico e senza febbre: 33enne aveva soggiornato a Codogno

Lombardi in quarantena ad Alassio tornano a casa. Il primo gruppo di dodici turisti lombardi ospiti dell’albergo di Alassio, dove soggiornava la donna risultata positiva al test del coronavirus, nella notte ha lasciato la Liguria per tornare nelle loro abitazioni nelle province di Pavia e Milano, dove svolgeranno una ‘quarantenà volontaria. Lo comunica la Regione Liguria via twitter. L’operazione di trasferimento è avvenuta di concerto tra la Croce rossa, la Protezione civile, le Regioni Liguria e Lombardia.

Fontana: scuole chiuse almeno fino al fine settimana. La decisione se riaprire o meno le scuole in Lombardia sarà presa nel fine settimana. Lo ha precisato il presidente della regione, Attilio Fontana, intervenendo a Rtl.

Coronavirus, scuole chiuse, l’elenco. Fontana: decidiamo nel weekend se riaprirle in Lombardia

Sotto controllo la collaboratrice di Fontana positiva al Coronavirus. «La mia collaboratrice sta moderatamente bene, è ricoverata in ospedale sotto controllo, ha ancora un pò di febbre ma non ha avuto alcun tipo di aggravamento e mi auguro che nello spazio di pochi giorni possa essere dimessa. Io sto bene». Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana intervenuto su RaiRadio1. «Nessuno esclude che io stia covando questa positività e che possa diventare anch’io malato», ha aggiunto Fontana, spiegando quindi di voler «mantenere un atteggiamento particolarmente prudente. Con i miei collaboratori uso la mascherina, cerco di fare vita il più possibile con pochi contatti per evitare il potenziale rischio di contribuire a diffondere il virus, che per ora non posso diffondere perché sono negativo».

Svizzera, positivo paziente da Milano. C’è un secondo caso confermato di coronavirus in Svizzera. Si tratta di un informatico di 28 anni residente a Ginevra, da poco tornato da Milano. Lo ha indicato il Dipartimento cantonale della sanità.

Mascherine a 5.000 euro, operazione Gdf. Mascherine vendute anche a cinquemila euro approfittando dell’emergenza Coronavirus. È quanto ha scoperto la guardia di finanza, che da stamani, con il coordinamento della procura di Torino, ha intrapreso una vasta operazione varie località italiane. Sono in corso perquisizioni a carico di una ventina di soggetti.

Messico autorizza nave Msc ad attraccare. Il Messico ha autorizzato la nave italiana Msc ‘Meraviglià ad attraccare a Cozumel. Ma le condizioni proibitive del vento, che, secondo quanto si legge in un comunicato della compagnia di navigazione, starebbe soffiando a 35-40 nodi, per ora lo impediscono. La ‘Msc Meraviglià, che era stata respinta da due porti nei Caraibi (in Giamaica e alle Isole Cayman) per paura del coronavirus, è ora al largo di Cozumel in attesa che il tempo migliori.

Coronavirus, Messico autorizza nave Msc ad attraccare: era stata respinta da Giamaica e Isole Cayman

Napoli, probabile contagio. Caso di probabile positività al coronavirus a Napoli. Secondo quanto si apprende da fonti sanitarie, si tratta di una persona di Napoli. Il tampone è stato inviato a Roma per la controprova e l’eventuale conferma da parte dell’istituto superiore di Sanità. Oggi sono attese analoghe verifiche su due casi verificatisi ieri in Campania, nel Casertano e nel Salernitano.
 

Ricciardi (Oms): «Basta confusione, casi positivi sovrastimati». «Riusciremo a contenere il virus. I casi positivi sono stati sovrastimati ». A dirlo è Walter Ricciardi, da pochi giorni consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, in un’intervista al ‘Corriere della Serà. «Chi ha dato l’indicazione di fare i tamponi anche alle persone senza sintomi, gli asintomatici, ha sbagliato. La strategia del Veneto non è stata corretta perché ha derogato all’evidenza scientifica. Le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità, riprese dall’ordinanza del ministro della Salute del 21 febbraio, non sono state applicate. Prevedevano che fossero fatti i test solo su soggetti sintomatici in presenza di due caratteristiche: il contatto con malati di Covid-19 accertati e la provenienza da zone di focolai». Il risultato è stato quello di «generare confusione e allarme sociale» perché visto che i test «non sono perfetti» c’è «un’ampia possibilità di sovrastimare le positività». È successo quindi, spiega Ricciardi, che «i casi verificati sono circa 190, confermati dall’Istituto superiore di sanità che ha il compito di validare l’eventuale positività dei test condotti nei laboratori locali. Quindi meno dei 424 casi dichiarati che invece includono quelli in attesa di conferma. Il risultato delle positività è stato anticipato dalle Regioni, il Veneto ma anche la Liguria, prima della risposta definitiva, e il ministero della Salute per obbligo di trasparenza si è trovato nelle condizioni di comunicare all’Oms queste informazioni». L’ex presidente dell’Istituto superiore della Sanità è «ottimista». «Se verranno applicate tutte le misure indicate nelle ordinanze ministeriali dovremmo andare verso una fase di contenimento. Lo capiremo la prossima settimana a che punto siamo. Ci riusciremo, come in Cina dove il problema è stato ben più drammatico. La primavera e le temperature più miti possono aiutare».

Coronavirus, primo caso di contagio in Abruzzo

Fontana in auto-isolamento. Sempre in serata, con una diretta Facebook, il governatore della Lombardia Attilio Fontana fa sapere che una dipendente della Regione e sua stretta collaboratrice («una bravissima persona») è risultata positiva e lui, di conseguenza, è ora in auto-isolamento. Fontana si è sottoposto al test ed è risultato negativo: «possiamo continuare a impegnarci nella battaglia al coronavirus – ha detto – ma per due settimane cercherò di vivere in una sorta di auto-isolamento che soprattutto preservi le persone che lavorano con me».

Coronavirus, Fontana: «Mascherina sbagliata? Non ne abbiamo più». Juve-Inter, ipotesi porte aperte

Primo caso in Danimarca. Le autorità della Danimarca hanno annunciato oggi il primo caso accertato di coronavirus: si tratta di un uomo che era rientrato dall’Italia con la sua famiglia il 24 febbraio dopo aver trascorso una vacanza in una località sciistica in Lombardia. Sua moglie e suo figlio sono risultati negativi ai test e le condizioni dell’uomo sono state definite abbastanza buone.
 

Guariti i cinesi allo Spallanzani. Ma ci sono anche notizie positive, come la guarigione dei primi casi di malattia accertati in Italia, la coppia di turisti cinesi ricoverata allo Spallanzani: dopo il marito, è risultata negativa anche la moglie. Mentre a Piacenza una mamma positiva al virus ha partorito un bimbo sano. Intanto, la procura di Lodi – come in precedenza quella di Padova – ha aperto un’inchiesta sulla diffusione della malattia e carabinieri del Nas hanno ispezionato gli ospedali di Codogno, Casalpusterlengo e Lodi. L’Oms esprime «piena fiducia» nell’azione dell’ Italia. La vittima di ieri è stato un 70enne che era ricoverato in terapia intensiva nell’ospedale di Parma. L’uomo proveniva da San Fiorano, nella zona rossa del Lodigiano ed aveva pregresse patologie pregresse respiratorie.

Coronavirus, i numeri del contagio.
Tra gli oltre 400 contagiati è sempre la Lombardia in testa con 305; seguono Veneto (98), Emilia Romagna (47), Liguria (16), Piemonte (3), Lazio (3), Sicilia (3), Marche (3), Toscana (2) Alto Adige (1). Nella serata si è avuta notizia del primo caso in Puglia: una persona residente in provincia di Taranto che era stata a Codogno. Oggi arriva invece il primo caso in Abruzzo: un lombardo in vacanza a Teramo, per il quale si attende il riscontro dello Spallanzani. I pazienti ricoverati con sintomi sono 128, 36 sono in terapia intensiva, mentre 221 si trovano in isolamento domiciliare. Tre persone sono guarite. I casi che hanno avuto la conferma di positività del secondo test effettuato dall’Istituto superiore di sanità (Iss) sono 194. I casi positivi in Liguria provengono da due alberghi di Alassio (Savona), che ospitavano turisti di Castiglione d’Adda, comune della zona rossa nel Lodigiano.
 

Tamponi sono ai sintomatici. E dopo giorni di escalation di contagiati e vittime, il Governo cambia strategia, avendo attribuito l’anomalia dell’ Italia terza al mondo per positivi al Covid-19 dopo Cina e Corea del Sud alla grande quantità di tamponi fatti: diecimila contro i meno di mille di Francia e Germania. Da oggi, ha annunciato il direttore del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli, al test saranno sottoposti solo i pazienti sintomatici e chi è stato in stretto contatto con le persone positive. Ciò, ha spiegato, perché il rischio contagio «è elevato nei soggetti sintomatici mentre è marcatamente più basso in quelli asintomatici». Quanto al gran numero di tamponi dei primi giorni, Ricciardi, dell’Oms, lo imputa al «fatto che alcune Regioni non hanno inizialmente seguito le linee guida basate sulla evidenza scientifica che prevedevano il test solo a soggetti sintomatici con ‘fattori di rischiò legati a provenienza e contatti avuti. Alcune Regioni hanno esteso i test e ciò ha generato una sovrastima dei casi». Sovrastima di casi che ha generato allarme in tutto il mondo e sta mettendo l’ Italia in una sorta di quarantena. Ma l’Oms assolve Roma. «Non bisogna – ha detto Hans Kluge, direttore Europa dell’Organizzazione – cedere al panico, bisogna fidarsi pienamente di quello che sta facendo il ministero della Salute in Italia, in collaborazione con la Protezione Civile».

Sequestrate le cartelle cliniche del paziente 1. Si apre poi un fronte giudiziario. I carabinieri del Nas di Piacenza, su disposizione della procura di Lodi, hanno sequestrato all’ospedale di Codogno le cartelle cliniche del cosiddetto ‘paziente 1’. Ispezioni sono state fatte anche in altri ospedali dell’area del focolaio lodigiano. L’Asst di Lodi si difende. «Le procedure di protezione individuale dei medici e degli infermieri – spiega – hanno consentito un primo iniziale contenimento dell’infezione». Ed il caso 1 «non era sospetto» quando si è presentato per la prima volta al pronto soccorso ed ha rifiutato il ricovero. Si muove anche la procura di Milano, che indaga sulle speculazioni sulle vendite di mascherine e gel disinfettanti e sta monitorando le piattaforme di vendita on line, dove i prezzi sono saliti alle stelle. Uomini delle Fiamme Gialle hanno acquisito documenti nelle sedi Amazon e eBay. Il capo della Protezione civile Angelo Borrelli ha firmato un’ordinanza per vietare l’esportazione dei Dispositivi di protezione individuale ed accentrarne l’acquisto in capo al Dipartimento: sono 500mila le mascherine che nelle prossime ore verranno inviate alle Regioni che ne hanno fatto richiesta.

 

Ultimo aggiornamento: 27 Febbraio, 13:22 [Fonte il Mattino di Napoli]


Source link