Cronaca

Firenze, non solo il medico del Papa. Ecco i nomi dei 39 indagati nell’inchiesta sui concorsi pilotati a Medicina

Per portare avanti l’inchiesta sui concorsi pilotati all’università di Firenze gli investigatori si sono serviti anche di cimici per le intercettazioni ambientali. Alcuni di questi dispositivi sono stati nascosti all’interno delle stanze del rettorato di Firenze. L‘inchiesta che vede coinvolti, fra gli altri, il rettore dell’ateneo Luigi Dei e i direttori generali dell’ospedale di Careggi e del pediatrico Meyer non è affatto conclusa.

Al momento, dopo 39 le persone ingagate per aver preso parte a un sistema che avrebbe condizionato l’assegnazione di cattedre e concorsi. Fra gli indagati c’è anche il medico personale del Papa, Roberto Bernabei. Tra gli indagati ci sono personalità di spicco del mondo scientifico e medico italiano, in buona parte operanti a Firenze. Eccoli.

Luigi Dei, 65 anni, rettore dell’università di Firenze, difeso dall’avvocato Sigfrido Fenyes, uno tra quelli per cui è stata anche chiesta l’interdizione dall’incarico.

Sandra Furlanetto, 54 anni, associata di chimica analitica a Firenze. Walter Artibani, del ’49, urologo di Verona. Michele Battaglia, del ’51, uorologo di Bari. Paolo Bechi, 73 anni, ordinario di Chirurgia generale e prorettore dell’università di Firenze. Roberto Bernabei, del ’52, geriatra e medico personale di Papa Francesco, direttore della Scuola di Specializzazione in Geriatria dell’Università Cattolica del Sacro Cuore a Roma, difeso dall’avvocato Maurizio Nucci. Patrizio Blandina, del ’51, nato a Genova e professore ordinario di Farmacologia a Firenze. Claudio Borghi, nato nel ’55, ordinario di Scienze mediche all’università di Bologna. Eugenio Brunocilla, del ’54, ordinario di Medicina generale all’università di Bologna.

Monica Calamai, 58 anni, ex direttrice generale di Careggi ed ex direttrice dell’assessorato alla Salute della Regione Toscana. Stefano Centanni, del ’54, ordinario all’università di Milano. Rocco Donato Damone, direttore generale dell’azienda ospedaliero universitaria di Careggi. Angelo Raffaele De Gaudio, 71 anni, ordinario di Anestesiologia e rianimazione a Firenze. Andrea Benedetto Galosi, nato nel ’68, che ha vinto nel 2020 un concorso per la cattedra di ordinario di Urologia presso l’università Politecnica delle Marche-Ancona. Pierangelo Geppetti, 70 anni, ordinario di Farmacologia a Firenze. Giuditta Mannelli nata a Pistoia nell’84 e assistente di Otorinolaringoiatria all’università di Firenze. Roberto Maroldi, nato nel ’54, che opera nel dipartimento di Radiologia a Brescia. Ettore Mearini, 65 anni, dell’università di Perugia. Francesco Montorsi, nato a Firenze nel 1962, direttore di Urologia al San Raffaele di Milano. Corrado Poggesi, del ’50, ordinario di Fisiologia all’università di Firenze. 

Francesco Porpiglia, del ’57, ordinario di Urologia all’università di Torino. Angelo Porreca, classe ’76, direttore di Urologia robotica all’Istituto Oncologico Veneto di Castelfranco Veneto. Giovanni Beltrami, fiorentino, del ’66, professore associato di Ortopedia e dirigente dell’Ortopedia pediatrica del Meyer.  Domenico Andrea Campanacci, 56 anni, direttore di Ortopedia oncologica  a Careggi. Roberto Civinini, del ’59, professore associato di Ortopedia a Careggi. Alessandro Della Puppa, nato nel ’67, direttore di Neurochirurgia a Careggi. Flavio Giordano, del ’69, neurochirurgo al Meyer. Massimo Innocenti, del ’51, responsabile di Ortopedia a Careggi.

Lorenzo Masieri, del ’73, professore associato di Urologia a Firenze. Alberto Zanobini, nato nel ’65, direttore generale dell’ospedale pediatrico Meyer. Marco Carini, del ’51, ordinario di Urologia a Careggi. Alessandro Innocenti, del ’69, chirurgo plastico di Firenze. Marco Innocenti, del ’56, direttore di Chirurgia plastica ricostruttiva a Careggi. Lorenzo Livi, del ’72, direttore di Radioterapia a Careggi. Niccolò Marchionni, del ’52, cardiologo e professore ordinario a Firenze. Icro Meattini, nato nel 1980, professore associato a Firenze. Andrea Minervini, del ’74, urologo, professore associato a Firenze. Benedetta Tomberli, dell’83, medico a Careggi. Andrea Ungar, del ’67, associato di Medicina interna a Careggi.


fonte : repubblica.it