Cronaca

Hamilton tiene il comando su Bottas, Leclerc 4°

Da il Mattino di Napoli :

21° giro – Hamilton + 1″2 Bottas, 4″5 Verstappen, 9″2 Leclerc, 11″3 Grosjean (ancora senza pit-stop), poi Sainz Norris Ricciardo Stroll Ocon Vettel Giovinazzi Gasly Albon Raikkonen Russell Latifi

Super giro di Hamilton che mette 1″069 tra sè e Bottas, Verstappen già a 3″6

Ripartenza e gran bagarre tra Sainz, Ricciardo e Norris con l’inglese che riesce a superare l’australiano della Renault per il settimo posto


18° giro – Sempre in pista la safety-car, alcuni piloti tra cui Hamilton lamentano che è troppo lenta e di conseguenza faticano a mandare in giusta temperatura le gomme hard

L’incidente di Kvyat pare determinato da un problema tecnico al posteriore della sua Alpha Tauri

13° giro – In safety-car Hamilton Bottas Verstappen Leclerc Grosjean Sainz Ricciardo Norris Stroll Vettel Ocon Giovinazzi Gasly Albon Russell Raikkonen Latifi

Tutti hanno montato gomme dure, unico a non fermarsi è stato Grosjean che prosegue con le medie

L’Alpha Tauri di Kvyat è distrutta, ma il russo esce illeso dai resti della monoposto.

12° giro – Brutto incidente per Kvyat, safety-car e tanti imboccano la via dei box per il cambio gomme

10° giro – Bottas tiene un buon ritmo e realizza il miglior secondo settore assoluto

9° giro – Dietro ai primi quattro c’è un bel gruppetto con Sainz capofila seguito da vicino da Ricciardo Norris Stroll Ocon Vettel e Gasly. A loro si avvicina Giovinazzi, 12esimo

7° giro – Hamilton allunga ed ha 1″3 su Bottas, 3″9 su Verstappen e 7″5 su Leclerc che ha commesso un piccolo errore, ma non ha perso la quarta posizione

6° giro – Ai box Albon che monta gomme dure 

5° giro – Riprende la gara e non cambiano le posizioni con Hamilton davanti Bottas Verstappen e Leclerc mentre la Ferrari di Vettel è decima

Contatto tra Albon e Magnussen col danese che picchia duramente contro le barriere mentre il pilota Red Bull prosegue. La direzione gara chiama subito la safety-car

Buona partenza di Hamilton che precede Bottas Verstappen Leclerc Sainz Ricciardo Norris Stroll Ocon Vettel Gasly Magnussen Albon Giovinazzi Kvyat Grosjean Raikkonen Russell Latifi e Magnussen

In seguito a penalità rimediate partono dall’ultima fila Kvyat (sostituzione cambio) e Russell (gialla non rispettata in qualifica)

Partono con gomme soft Norris, Sainz, Ricciardo, Ocon e Vettel. Tutti gli altri con le medie
 

Primo colpo di scena del GP di Gran Bretagna: Nico Hulkenberg, chiamato per sostituire Sergio Perez colpito dal Covid-19, non parte. Un problema alla sua Racing Point lo ha fermato ancora prima di schierarsi in griglia

Non ci saranno i 120.000 connazionali a tifare per lui lungo il tracciato di Silverstone, ma Lewis Hamilton, pur sentendone la mancanza, è stato straripante come sempre. Una pole incredibile la sua, con il compagno di squadra Valtteri Bottas lasciato a 3 decimi e Max Verstappen, terzo con la Red Bull-Honda, a un secondo. Una dimostrazione di forza notevole non solo del pilota britannico, ma di tutta la Mercedes che nonostante i sei mondiali vinti consecutivamente non ha mai un calo, una distrazione, e prosegue incontentabile nel proporre sviluppi e novità tecniche. Un dominio che ricorda, anzi, ha superato, quello della Ferrari con Michael Schumacher e Rubens Barrichello nel periodo che andava dal 2000 al 2004. La battaglia in gara sarà tutta in casa Mercedes tra Hamilton e un Bottas che si gioca le ultime carte per inseguire il sogno di strappare il titolo iridato a The King. Verstappen parte già battuto, ma tenterà di sorprendere le due Mercedes in partenza, poi si vedrà. Poche speranze per la Ferrari, anche se la prestazione di Charles Leclerc in qualifica è stata di grande rilievo. Sarà interessante anche vedere chi la spunterà tra la Racing Point-Mercedes di Lance Stroll e la McLaren-Renault di Lando Norris e Carlos Sainz, con le Renault di Daniel Ricciardo ed Esteban Ocon pronte a sorprenderle.
 

Ultimo aggiornamento: 15:56 [Fonte il Mattino di Napoli]




Fonte il Mattino di Napoli