Cronaca

L’Iran vuole arrestare Trump per l’uccisione di Soleimani. Usa: «Trovata propagandistica»

Da il Mattino di Napoli :

L’Iran vuole arrestare Donald Trump. A quasi sei mesi dall’uccisione del generale Qassem Soleimani in un raid a Baghdad, la procura di Teheran ha emesso 36 mandati di cattura contro cittadini di Stati Uniti e altri Paesi ritenuti a vario titolo responsabili, chiedendo all’Interpol di emettere un’allerta rossa per permetterne l’arresto e l’estradizione. La Repubblica islamica li accusa di «omicidio» e «terrorismo» per aver ordinato, preparato o attuato il bombardamento del drone MQ-9 americano che il 3 gennaio scorso ha ucciso il comandante delle forze Qods dei Pasdaran, insieme ad Abu Mahdi al-Muhandis, tra i capi delle milizie delle Forze di mobilitazione popolare irachene, e altre 8 persone.


Germania, l’inflazione accelera a giugno

Un raid cui l’Iran rispose attaccando la base Usa di Ain al-Asad in Iraq. Il presidente americano «Donald Trump è in cima alla lista e continuerà a essere perseguito anche al termine del suo mandato presidenziale», ha dichiarato il procuratore di Teheran, Ali Alqasi-Mehr, lasciando intendere di non volersi fermare a prescindere dall’esito delle elezioni presidenziali del prossimo novembre. Ma l’inviato speciale Usa per l’Iran, Brian Hook, ha subito bollato l’annuncio come «una trovata propagandistica che nessuno prende seriamente».

Salvini a Mondragone, alta tensione: le forze dell’ordine allontanano i manifestanti

Secondo Washington, si tratta di una mossa «politica» e «l’Interpol non interviene ed emette allerte rosse sulla base di questioni di politiche». D’altro canto, la stessa agenzia di polizia internazionale, che ha sede a Lione in Francia, ha già escluso di poter prendere in considerazione la richiesta di Teheran. In base all’articolo 3 del suo statuto, ha precisato l’Interpol, «è strettamente proibito per l’organizzazione qualsiasi intervento o attività di natura politica, militare, religiosa o razziale». Il nuovo capitolo dello scontro arriva proprio mentre gli Usa tentano di far prolungare per tre anni l’embargo Onu di armi all’Iran, in scadenza a ottobre prossimo. Il viceministro degli Esteri iraniano Mohsen Baharvand ha ribadito che i responsabili dell’uccisione di Soleimani «devono pagare per questo crimine contro la sicurezza nazionale e la sovranità dell’Iran» e «contro il diritto internazionale».

Coronavirus in Lombardia: 78 nuovi casi, una vittima

E non sarebbe finita. «Presto altri americani, che hanno operato i droni» impiegati nell’operazione «saranno identificati e subiranno un mandato di cattura», assicura il diplomatico iraniano, promettendo punizioni anche per chi in Iraq è stato complice del raid. Avvertimenti che potrebbe rivelare nuove tensioni anche nel rapporto con Baghdad, dopo che la scorsa settimana il nuovo premier iracheno Mustafa Kazimi – eletto dopo mesi di stallo politico grazie a un delicato gioco di equilibri proprio tra Iran e Stati Uniti – ha dato per la prima volta il suo via libera all’arresto di esponenti della potente milizia sciita filo-iraniana Kataib Hezbollah, accusata da Washington di essere responsabile di diversi attacchi alle sue basi e all’ambasciata americana a Baghdad.

Coronavirus, Brasilia dichiara lo stato di calamità: «Collasso del sistema sanitario locale»

Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 00:11 [Fonte il Mattino di Napoli]


Fonte il Mattino di Napoli