Cronaca

L’omaggio di Travaglio a Biscardi, ovvero la differenza tra scrivere e pensare


La sincerità sui propri difetti è una delle qualità più apprezzabili in una persona. Qualità rara, perché ammettere difetti veri è difficile. Tendiamo tutti a sminuire, camuffare, depistare e resta enorme il numero di quanti rimuovono il proprio lato oscuro riconoscendo solo l’eccesso colposo di virtù: “sono troppo buono”, “sono troppo generoso”, “sono troppo onesto”. 

Pensavo a quanto possa essere fertile e creativa, talvolta un po’ fessa, la capacità di autoassoluzione di noi esseri umani, e quanto inaspettato un refolo di sincerità, ascoltando l’altra sera Marco Travaglio intervistato da Francesca Fagnani per il programma Belve su Rai2.


fonte : repubblica.it