Cronaca

Nella città africana simbolo della tratta degli schiavi, le mani giganti che uniscono il mondo





L’artista Guillaume Legros, meglio noto come Saype, ha disegnato delle mani gigante intrecciate su alcune spiagge e località della Repubblica del Benin, stato dell’Africa occidentale. E’ la decima tappa del progetto “Beyond Walls”, progetto iniziato nel 2019 agli Champs Elysees di Parigi. Lo scopo di Saype è quello di creare una gigantesca catena umana di mani intorno al pianeta, simbolo di unità e amicizia tra i popoli. I disegni di Saype vengono effettuati sempre in luoghi simbolici: nella Repubblica del Benin è stata scelta la città di Ouidah, tristemente nota in passato per il suo ruolo chiave nella tratta degli schiavi.


fonte : repubblica.it