Cronaca

Torino, il libraio risorge dalla crisi col delivery in bici: l’omaggio di Google


“Ed ecco che vi racconto la cosa più incredibile successa al Golem. Il fatto che ci fosse una piccola libreria che si divertiva a correre in bici per la città è arrivata fino negli Stati Uniti, dal Signor Google. Dalla casa madre sono arrivati a filmare la la città e a sbaraccarmi la libreria per far spazio alle telecamere”. La libreria è  La libreria del Golem di via Rossini, nel cuore di Torino, e il suo titolare è Mattia Garavaglia, 27 anni, che non è solo il giovane titolare di una libreria indipendente ma anche uno dei fondatori di Bookdealer, la prima piattaforma di e-commerce in Italia a sostenere le librerie indipendenti. La piattaforma si ispira ad esperienze simili in Usa e mira ad offrire uno strumento ai piccoli librai per le loro vendite: “Offre una forma fluida di e-commerce e amplifica i nostri negozi ben oltre le soglie dei nostri locali”. Il progetto, avviato l’anno scorso, oggi conta 700 librerie.  Forse anche questo  ha acceso l’interesse del colosso di Mountain View sulla libreria torinese e sul suo proprietario. “Tra i fondatori di bookdealer c’è Leonardo Taiuti, editore di Edizioni Black Coffee. Lui diede il mio contatto per un’intervista che  mi portò alla National public radio statunitense. Poi mi chiamarono da Google per questo videoprogetto e accettai”, racconta Garavaglia. Il video racconta in poco più di tre minuti la vita del libraio torinese che si è trovato, nel pieno del lockdown, a reinventare il suo modo di servire i clienti con le consegne in bicicletta: “Le consegne sono state, e continuano a esserlo, una delle attività portanti dell’attività di Golem”

di CARLOTTA ROCCI


fonte : repubblica.it